Come Funziona LinkedIn? Tutto quello che devi sapere

Stefano Pisoni

Stefano Pisoni

Digital Strategist & Growth Hacker

come funziona LinkedIn

Come funziona LinkedIn? Tutto quello che devi sapere sul social media numero 1 per trovare lavoro (e Clienti)

LinkedIn è una piattaforma di social media che si rivolge prevalentemente ai professionisti. Fondamentalmente LinkedIn ti consente di creare una rete e costruire il tuo network professionale. 

Tuttavia molti lavoratori dipendenti guardano a LinkedIn come un modo per trovare lavoro. Sempre più professionisti, investitori e aziende che si rivolgono al mercato digitale, utilizzano LinkedIn per trovare candidati o offrirsi come lavoratori. 

LinkedIn viene dunque utilizzato da datori di lavoro e recruiter in cerca di candidati.

LinkedIn è anche una nuova opportunità di ricerca per giovani neolaureati o esperti che vogliono migliorare il loro personal branding sul web. 

Ma come funziona veramente LinkedIn?

Quali sono le principali funzionalità di LinkedIn

Partiamo dal presupposto che LinkedIn è un social network. Più avanti ti racconterò la sua storia e come ha fatto a diventare il più famoso social per trovare lavoro. Ciò che è importante considerare, è che LinkedIn funziona come tutti gli altri social network, grosso modo come Facebook, Instagram e Twitter.

Esattamente come questi social, l’iscrizione a LinkedIn è gratuita. Iscriversi a LinkedIn non comporta nessun costo a meno che tu non scelga di abbonarti ai vari tipi di piani premium della piattaforma.

Come funziona LinkedIn per trovare lavoro? Un account standard (o basic, come è chiamato da LinkedIn stesso) è adatto a chiunque desideri creare e gestire un profilo professionale online.

Così come gli altri social network, anche LinkedIn utilizza un algoritmo che viene continuamente aggiornato in modo da poter fornire agli utenti che popolano la piattaforma, la migliore esperienza possibile.

piani a pagamento linkedin

Quali sono i piani a pagamento su LinkedIn e come funzionano 

LinkedIn offre diversi tipi di account a pagamento (o Premium) a seconda dell’esigenza dell’utente. LinkedIn funziona bene per chi cerca lavoro, per gli addetti alle vendite e alla ricerca di talenti e per qualsiasi professionista voglia sfruttare al massimo le potenzialità della piattaforma.

Con il piano Premium Career puoi approfondire le informazioni su aziende e candidature per posizioni aperte. 

Con l’abbonamento a Sales Navigator puoi generare lead ed espandere la tua clientela se sei un libero professionista, un’azienda o un imprenditore. 

Con il piano Recruiter Lite trovi i profili corrispondenti alla posizione lavorativa aperta per la tua azienda e assumere i candidati migliori. 

Con LinkedIn Premium Business ottieni informazioni dettagliate sui profili professionali di tuo interesse.

Infine grazie a LinkedIn Learning puoi integrare le competenze già in tuo possesso o impararne di nuove.

Per approfondire i piani premium e a pagamento di LinkedIn ti consiglio di consultare la pagina dedicata su LinkedIn.

Il feed LinkedIn e i filtri di classificazione

Il feed sulla tua home page di LinkedIn è la schermata di visualizzazione dei contenuti importanti pubblicati dalle persone che segui su LinkedIn o a cui sei collegato. 

Nel feed LinkedIn trovi i post, gli articoli, gli aggiornamenti dei tuoi collegamenti e dal feed puoi condividerli con altri collegamenti.

Come funziona LinkedIn per trovare lavoro? Se usi LinkedIn come un utente standard noterai che il tuo feed ti presenta un flusso costante di contenuti. Ma prima che questo feed sia visibile sul tuo profilo, passa al controllo di alcuni filtri che LinkedIn stesso ha impostato. Questi sono chiamati filtri di classificazione.

Alcuni di questi filtri di classificazione sono strutturati per rilevare spam su LinkedIn. Ovvero contenuti di bassa qualità che la piattaforma rileva come non pertinenti o non scritti da un utente LinkedIn reale. 

Può capitare che i post che visualizzi sul feed possono essere stati diffusi in seguito a un’attività compiuta da un bot su LinkedIn in maniera automatizzata. Questa attività è altamente sconsigliata su LinkedIn e può portare alla penalizzazione del profilo e della reach dei post.

Come interagire con i contenuti di LinkedIn

Una volta che un contenuto LinkedIn (può essere un post, un’immagine, un video, una guida pdf) arriva nel tuo feed, puoi interagire con questo tramite un commento, un “mi piace”, una reaction o una condivisione. 

Queste sono le classiche attività base che puoi fare su qualsiasi social, non solo su LinkedIn. 

Da poco LinkedIn ha introdotto delle reaction diversificate per differenziarsi da Facebook, Twitter e Instagram. Tramite queste reaction puoi far capire meglio qual è il tuo pensiero nei confronti di un post. 

In alternativa, puoi contrassegnare il contenuto come spam o nasconderlo per impedire ad altri di vederlo. La tua azione ti aiuta a determinare cosa vedrai in futuro sul tuo feed LinkedIn. 

Come fa la tua attività su LinkedIn a influenzare i post pubblicati?

Forse non ci fai tanto caso ma, le tue azioni su LinkedIn possono influenzare la diffusione dei post su questo social network. 

Infatti, in base al modo in cui apprezzi o scarti i contenuti che visualizzi, anche il feed dei tuoi contatti sarà condizionato da questa attività. 

Questo vale senz’altro per la segnalazione spam. Se fornisci un feedback negativo al contenuto, LinkedIn valuterà le tue azioni rispetto alle azioni di altri utenti per determinare se il contenuto deve essere visualizzato nel feed di altre persone.

Oltre i filtri spam di LinkedIn, anche l’attività degli utenti incide sul contenuto visualizzato. LinkedIn, sempre tramite il suo algoritmo, consente ai post pubblicati di continuare a comparire nei feed degli utenti se questi dimostrano un apprezzamento. 

Ciò permetterà di ottenere una spinta in modo che appaia su un numero maggiore di feed degli utenti.

La storia di LinkedIn, come è nato il social network per trovare lavoro

LinkedIn nasce ufficialmente il 28 dicembre 2002 a Mountain View, nella Silicon Valley, dall’idea di Reid Hoffman (ex talento in PayPal e eBay) e di Allen Blue, Konstantin Guericke, Eric Ly e Jean-Luc Vaillant.

Il successo di LinkedIn non è immediato. Il progetto inizia a funzionare solo dopo qualche mese, quando alcuni gruppi d’investimento statunitensi iniziano a interessarsi alla startup.  Sequoia Capital è il primo a credere nel progetto di Reid Hoffman e soci: a fine 2003 la venture capital investe 4,7 milioni di dollari in LinkedIn. 

Il nome della piattaforma social comincia a diffondersi in rete e nel 2004 LinkedIn raggiunge 1 milione di iscritti. Hoffman è determinato a trovare un modo per rendere LinkedIn definitivamente un business profittevole e mettere davvero in contatto tutte le aziende e tutti i lavoratori del mondo.

Tra il 2006 e il 2007 LinkedIn introduce nuove funzionalità a pagamento che permettono alle aziende di trovare più facilmente nuovi dipendenti. Finalmente il numero di utenti inizia diventare consistente superando quota 10 milioni e segnando il suo primo mese di profitto. 

Dopo quattro anni a guida dell’azienda, Reid Hoffman decide di affidare il controllo della società a Dan Nye, già manager in Procter&Gamble. Dal 2009, dopo un consistente aumento di capitale, LinkedIn apre i suoi primi uffici all’estero partendo da Mumbai e Sydney. 

Dopo poco più di due anni, nel 2009 Dan Nye lascia il ruolo di CEO e LinkedIn torna tra le mani del fondatore Reid Hoffman.

Hoffman ha bisogno di una figura visionaria e intraprendente e alla fine sceglie Jeff Weiner, ragazzo con una lunga esperienza in Yahoo!. Per essere sicuri della capacità di Jeff Weiner, Reid Hoffman gli affida prima il ruolo di presidente dell’azienda e solo successivamente lo nomina CEO di LinkedIn.

Nel 2012 LinkedIn cambia totalmente veste grafica. Introduce una nuova interfaccia utente più semplice e intuitiva. Il numero di utenti continua a crescere in maniera vertiginosa superando 200 milioni.

Il 13 giugno 2016 LinkedIn ufficializza un matrimonio annunciato già da molti anni: l’acquisizione di Microsoft per oltre 26 miliardi di dollari. Per l’azienda di Seattle è l’acquisto più grande della sua storia. 

Fino a quel momento, Microsoft era rimasta una delle poche grandi aziende hi-tech a non avere investito in una piattaforma di social networking. Reid Hoffman inizia a lavorare al fianco di Bill Gates per trovare nuove idee di business su LinkedIn profittevoli per l’azienda.

Nel febbraio 2020, LinkedIn annuncia che Jeff Weiner lascerà il ruolo di CEO dopo 11 anni per diventare presidente esecutivo. Ryan Roslansky, attuale vicepresidente, diventerà CEO dal 1° giugno 2020.

A cosa serve LinkedIn

È molto semplice, LinkedIn serve a cercare lavoro sul web. 

Con LinkedIn puoi controllare le opportunità lavorative disponibili per determinati ruoli o posizioni in azienda. Oltre 65 milioni di professionisti utilizzano LinkedIn per coltivare la propria carriera e attività.

Ti ho fatto vedere anche in altri post come LinkedIn aiuta le persone in cerca di lavoro e a trovare lavoro. Come entrare in contatto con i recruiter e, in generale, crearsi nuove opportunità di business.

LinkedIn aiuta i datori di lavoro esattamente come chi sta cercando lavoro.

Gli stessi benefici che i dipendenti traggono da una rete professionale ben sviluppata valgono per i datori di lavoro o i recruiter che lavorano per loro. LinkedIn consente agli imprenditori, alle aziende e ai datori di lavoro di cercare potenziali candidati o di controllare quali aziende sono già stati assunti. 

Questo consente di avere un profilo molto ben delineati di un potenziale candidato. Chi sarà il tuo prossimo assunto? LinkedIn, per come funziona, è in grado di dirtelo! 

LinkedIn è anche un motore di ricerca. È capace di selezionare i lavori adatti alle persone in cerca di lavoro. Per questo è importante che i datori di lavoro sappiano come funziona realmente LinkedIn in tutti i suoi aspetti, anche quelli più complessi. 

Ad esempio, le parole chiave e le frasi che un candidato perfetto inserirebbe sul sul profilo LinkedIn quando cerca una nuova occupazione.

Come utilizzare LinkedIn al meglio

Più avanti entrerò nel dettaglio su come funziona LinkedIn per specifiche attività di utilizzo. In generale, per usare LinkedIn al meglio, ti basta essere quello che sei realmente nella vita reale. 

È fondamentale ricordarsi che su LinkedIn le persone non pubblicano video di gattini ma condividono informazioni specifiche ed interessanti per i loro colleghi professionali. Ad esempio se vuoi approfondire le differenze tra LinkedIn e Facebook puoi leggere il mio post dedicato.

Su LinkedIn non è necessario mostrarsi diverso da quello che sei davvero. Anzi, questo sarebbe un grosso errore. Ti spiego perchè. 

Poniamo il caso che tu sia un utente che ricerca lavoro su LinkedIn. Se compilassi il tuo profilo con competenze e abilità che non ti appartengono, come potresti risolvere le problematiche quotidiane che affronteresti in una nuova azienda interessata ad assumerti?

Oppure, se tu fossi un’azienda pronta ad assumere nuovi candidati e descrivessi il tuo ambiente di lavoro diversamente da quello che è nella realtà, quanto tempo pensi impiegherebbe un nuovo assunto a cercare nuove opportunità di lavoro fuori dalla tua azienda?

Ecco perchè è molto importante su LinkedIn costruire fiducia e trasparenza intorno al proprio brand, che tu sia un libero professionista o un’azienda. Ho già scritto un articolo completamente dedicato al personal branding su Linekdin e può essere un’ottimo spunto di approfondimento.

Come funziona LinkedIn per il networking

Al livello più elementare, LinkedIn è un sito di networking professionale. LinkedIn non solo ti consente di connetterti con le persone che conosci. 

La grande opportunità che LinkedIn offre è quella di connetterti con nuovi profili legati al tuo network su LinkedIn. È come se partecipassi a una grande conferenza e i tuoi amici ti introducessero nella loro cerchia di contatti professionali. 

Su LinkedIn hai l’opportunità di stare fianco a fianco ai migliori esperti del settore. Non ci sono barriere, se ti presenti al meglio, puoi farti conoscere dalle persone che contano per il tuo business. Per utilizzare LinkedIn in modo efficace, inizia con un profilo ben costruito.

Inserisci una presentazione di te stesso, scrivi un headline e un riepilogo appropriati e includi i punti salienti delle tue esperienze lavorative e di crescita professionale. Aggiungi la tua istruzione e le tue abilità. 

Dovrai diventare un utente attivo per utilizzare LinkedIn al meglio. 

Accedi al sito ogni giorno e presta attenzione alle persone del tuo settore che contano. Cosa pubblicano e commentano? Chiedi il collegamento ai loro contatti LinkedIn che possono essere interessanti per te. Unisciti anche ai gruppi che ritieni interessanti e pertinenti. Man mano che il tuo livello di attività cresce, aumenterà anche il tuo LinkedIn network .

Come funziona LinkedIn per ricevere offerte di lavoro

Hai mai pensato di ricevere offerte di lavoro su LinkedIn? Ecco come funziona LinkedIn per trovare lavoro.

Sempre più persone accedono da LinkedIn anche da smartphone e dispositivi mobili, rendendo possibile ottenere offerte di lavoro in qualsiasi momento della giornata!

Devi sapere che può capitare che un recruiter, un HR manager o un contatto interessante ti inviti a collegarsi con lui (o lei) per sottoporti una posizione interessante presso la loro azienda o attività. 

Sai che su LinkedIn il 45% delle persone che scorrono il feed o leggono gli articoli ricoprono cariche importanti all’interno di un’agenzia o di una società?

LinkedIn può funzionare anche per ricevere offerte di lavoro. L’80% delle persone su LinkedIn sono dei candidati passivi. Significa che ricercano buone opportunità di lavoro ma non in modo attivo. 

Per ricevere offerte di lavoro da LinkedIn dovrai dedicarti ad alcune attività una volta creato il tuo nuovo profilo. Sentiti libero di rispondere alle offerte di lavoro, di entrare in contatto con professionisti rilevanti e soprattutto segui le aziende per cui vorresti lavorare. 

Ricordati sempre che se il tuo primo contatto con il tuo futuro datore di lavoro sarà su LinkedIn, è molto importante prestare attenzione alla tua immagine e al tuo personal branding su LinkedIn.

Come aumentare visite al profilo LinkedIn

Tutto ciò che ti serve per far funzionare il tuo profilo LinkedIn è creare una login sulla piattaforma. 

Non mi soffermo in questo post sulle varie possibilità di creare account a pagamento sulla piattaforma, sono entrato nel dettaglio in un altro articolo. Ti basta sapere che con il solo servizio gratuito e di base, LinkedIn funziona bene per aumentare visite al profilo. 

È sufficiente per la maggior parte degli utenti che cercano lavoro. Un profilo standard su LinkedIn è predisposto per:

  • Avere un profilo professionale che mostri competenze, esperienze e altre informazioni pubbliche
  • Visualizzare chi ha visitato il profilo con un limite preimpostato
  • Possibilità di vedere un numero limitato di profili per ricerca
  • Possibilità di salvare un numero limitato di ricerche

L’upgrade a pacchetti LinkedIn a pagamento aumenta queste funzionalità. Ad esempio la visualizzazione di ulteriori informazioni su chi ha visualizzato il tuo profilo, il numero di profili per ricerca e il numero di ricerche che è possibile salvare. 

Inoltre, gli aggiornamenti possono includere funzionalità aggiuntive come i crediti InMail, che consentono di inviare messaggi a persone non connesse a te e filtri premium, che rendono la ricerca più rapida e semplice.

Come ti dicevo, solo dopo aver effettuato la registrazione con un account LinkedIn, puoi creare il tuo profilo professionale. Come ti ho spiegato sopra, per utilizzare LinkedIn al meglio, è necessario inserire solo informazioni che rappresentano realmente la tua attività o la tua carriera professionale. 

Vuoi sapere come non funziona LinkedIn per un profilo? 

Ricordati che LinkedIn non è il posto dove condividere foto di bambini carini, gattini, foto inopportune o feste. A meno che non siano convention aziendali e rispettino le policy di pubblicazione di LinkeIin.

Alcuni degli elementi che puoi aggiungere a un profilo includono le basi del tuo curriculum, un riepilogo di te stesso, le tue informazioni di contatto, i collegamenti al tuo sito Web o blog, i tuoi precedenti datori di lavoro, libri pubblicati e progetti importanti. 

Non dimenticare di aggiungere un’immagine professionale, poiché le persone sono riluttanti a connettersi con qualcuno senza una foto.

Se vuoi iniziare fin da ora a modificare il tuo profilo per avere più visibilità su LinkedIn devi assolutamente leggere il mio post dedicato.

In linea generale, il tuo profilo LinkedIn è quanto di più vicino esiste ad un curriculum online. O un biglietto da visita. Io preferisco pensare a LinkedIn come qualcosa che funziona come uno strumento di marketing. 

Per questo motivo, quando metti mano al tuo profilo, descrivi le tue abilità puntando ai benefici che riceverebbero le persone o le aziende collaborando con te. I tuoi potenziali partner devono essere in grado di riconoscere immediatamente il vantaggio di lavorare con te.

Una volta che il tuo profilo è completo, puoi pubblicarlo e iniziare a costruire il tuo network di collegamenti su LinkedIn. Un collegamento è una persona che conosci perché ha lavorato con te o che vorresti conoscere. 

L’idea è quella di creare quante più connessioni dirette possibili aggiungendo persone all’interno della tua cerchia professionale. In questo modo potrai espandere le tue connessioni. 

Ricordati sempre che dovrai impostare una presentazione adeguata nel momento in cui andrai a presentarti ad un nuovo contatto LinkedIn. Le tue connessioni possono fare da tramite e presentarti ad altri professionisti con cui potresti essere interessato a collaborare. Le tue connessioni LinkedIn possono anche supportarti per le competenze e fornirti consigli.

Il punto è non farsi mai trovare impreparati nel momento in cui vai a cercare nuovi contatti o questi si presentano a te.

Nel mio corso LinkedIn Advanced spiego esattamente come usare LinkedIn per entrare in contatto con i decision maker del tuo settore. Con il mio corso avanzato su LinkedIn non solo aumenti la visite al tuo profilo ma ottieni molto di più.

Che tu sia un libero professionista o una grande azienda b2b, con il mio corso potrai imparare a fare lead generation (che è molto più che aumentare semplicemente le visite al profilo LinkedIn!)

Scopri il mio corso di LinkedIn Advanced 

linkedin personal branding

Come funziona LinkedIn per le aziende

I social network sono sempre più presenti nella nostra quotidianità e LinkedIn non è da meno. Saprai meglio di me che sul web troverai social dedicati alle foto, alla musica, ai video. Tra questi, LinkedIn è il social network pensato esclusivamente per il lavoro.

LinkedIn nasce per mettere in contatto tutti i lavoratori del mondo, ma questo non toglie che LinkedIn sia pensato anche per le aziende.

Il social network da infatti la possibilità anche alle aziende b2b o b2c di iscriversi e di potenziare la loro brand awareness grazie ad una serie di strumenti integrati nella piattaforma e dedicati a loro.

Perché un’azienda dovrebbe stare su LinkedIn?

Se sei qui per capire come funziona LinkedIn per le aziende, concentrati su questo paragrafo. 

Ecco come funziona LInkedIn per le aziende. Troverai i principali consigli che spiego in maniera molto più dettagliata nel mio corso LinkedIn Advanced. Ti saranno utili per utilizzare al meglio questo social network se lavori per una azienda.

Una delle prime domande che mi vengono poste da digital marketer e HR manager in azienda è “perché dovrei creare un profilo LinkedIn per la mia azienda?”

All’inizio ho pensato a lungo alla risposta corretta da dare, ma ora sono sicuro che usare LinkedIn per una azienda ha un motivo molto semplice.

Questa piattaforma social mette a disposizione due tipi di profili per gli iscritti:

  • Il profilo personale
  • Il profilo aziendale

Il primo, lo abbiamo visto ampiamente in precedenza, è dedicato a tutte le persone che si iscrivono sul social e cercano lavoro su LinkedIn. Il profilo aziendale è dedicato specificamente alle aziende e ai brand che decidono di presidiare LinkedIn.

Se LinkedIn permette alle persone di candidarsi per eventuali posizioni lavorative aperte, le aziende, possono iscriversi a loro volta sul social grazie con un profilo business. 

Come funziona linkedin per le aziende? Un account aziendale permette di connettersi con milioni di persone interessate ai prodotti ed ai servizi venduti dalla tua azienda.

L’apertura di una pagina per aziende su LinkedIn offre diversi vantaggi come:

  1. Ottimizzare il posizionamento sui motori di ricerca con LinkedIn

Le pagine aziendali LinkedIn possono apparire su Google e questo aiuta le aziende ad aumentare la visibilità del loro business. Ciò significa che se le persone cercano il nome della tua azienda, oppure i prodotti o servizi che vendi, Google mostrerà nei risultati la pagina LinkedIn aziendale.

Se vuoi dare uno sguardo a come funzionano i motori di ricerca guarda il mio articolo su come costruire un personal brand con LinkedIn. Qui troverai un passaggio chiave che ti spiega come fare SEO su questo social network dedicato al mercato del lavoro.

Se ci pensi, tra le tante attività disponibili su LinkedIn, è possibile effettuare ricerche all’interno della piattaforma.

La prima cosa che ti consiglio è quella di completare al meglio il profilo aziendale. Dovrai inserire tutti i dati della tua società o dell’attività che rappresenti e completare la descrizione nella maniera più esaustiva possibile. Soprattutto utilizzando quelle parole chiave utili a fare SEO su LinkedIn.

Una descrizione ottimizzata ti permette di raggiungere potenziali clienti e far conoscere i tuoi prodotti e i servizi. La lead generation con una pagina aziendale LinkedIn non deve mai essere qualcosa da sottovalutare.

  1. Creare una pagina vetrina

Una delle caratteristiche più utili nell’utilizzare LinkedIn per le aziende e avere una pagina LinkedIn aziendale è la possibilità di creare delle pagine vetrina. 

Le pagine vetrina sono estensioni della pagina aziendale che permettono di mettere in evidenza i prodotti ed i servizi dell’azienda. 

Le pagine vetrina di LinkedIn sono sezioni secondarie pensate per fare riferimento a target di pubblico diversi che vogliono seguire specifiche categorie di una determinata attività.

Ti faccio un esempio di pagina vetrina su LinkedIn:

Fiat Chrysler Automobiles (FCA) contiene al suo interno diversi marchi, ognuno dei quali rappresenta segmenti diversi del mercato automotive.

Per aiutare i clienti a distinguere e seguire i loro brand preferiti, trovare informazioni e rimanere aggiornati su tutte le novità dei singoli prodotti, creare una pagina vetrina per ogni marchio è la scelta ideale.

Ognuna di queste pagine verrebbe collegata alla pagina principale, permettendo così al gruppo FCA di migliorare la sua visibilità e la sua rilevanza su LinkedIn.

Importante da ricordare: LinkedIn mette a disposizione delle pagine fino a 10 pagine vetrina per ogni azienda.

  1. Analizzare le performance della pagina aziendale

Altro punto chiave su come funziona LinkedIn per le aziende è la possibilità di analizzare tutti i contenuti che posti sulla pagina aziendale e sulle pagine vetrina di LinkedIn.

Ogni volta che pubblichi un post sul feed LinkedIn della tua azienda centinaia di persone lo vedono. Per questo è importante monitorare quali persone hanno visto il tuo contenuto, in quali aziende lavorano e da quali città. Questi sono tutti dati utili a capire se:

  • ti stai rivolgendo alle persone che ricoprono un ruolo interessante per te
  • quanto sono apprezzati i contenuti che stai pubblicando
  • i contenuti vengono visualizzati dal pubblico nel paese giusto

Sfruttare questi strumenti ti permette di avere pieno controllo sulle tue attività su LinkedIn per la tua azienda. 

Potrai organizzare una strategia di comunicazione, capire quale target è quello che risponde meglio alle tue attività aziendali su LinkedIn e apportare le correzioni necessarie per rendere ancora più efficace il tuo piano strategico di LinkedIn marketing b2b o b2c.

Quindi come funziona LinkedIn per le aziende? È così difficile gestirlo per profili aziendali?

Come ti dicevo ad inizio articolo, LinkedIn è il social dedicato al mondo del lavoro.

LinkedIn è frequentato da persone intente ad espandere la loro rete professionale e lavorativa, quindi è necessario prestare attenzione a come ci si comporta.

Sia per i profili personali che per quelli aziendali esiste un codice di comportamento non scritto. La comunicazione su LinkedIn si basa prevalentemente sulla professionalità e la gran parte delle discussioni sono focalizzate a migliorare le proprie competenze lavorative.

I post ed i video che ottengono maggiori visualizzazioni sono quelli che parlano di come migliorare le proprie qualità professionali. Oppure spiegano tecniche lavorative, case study, strategie per migliorare le proprie capacità. Molti post su LinkedIn mostrano come un’azienda sceglie di agire nei confronti dei suoi dipendenti per dare la giusta immagine di sé all’esterno.

Il loro obiettivo è quello di diventare il punto di riferimento per tutti i professionisti o imprenditori di una determinata nicchia. Questa etichetta diventa ancora più importante quando parliamo di pagine aziendali.

È giusto far sorridere i propri seguaci di tanto in tanto, ma senza esagerare! È sempre necessario prestare attenzione ai toni che si usano nei post ed anche nelle risposte ai commenti.

Quando si pubblica attraverso la pagina aziendale, i lettori associano quello che c’è scritto all’azienda. Su LinkedIn il modo di comunicare è importantissimo.

linkedin aziendale

Come creare una pagina aziendale LinkedIn

Una pagina aziendale LinkedIn fa da portavoce della tua attività professionale sulla piattaforma social. Il motivo principale per le aziende creano una pagina LinkedIn è che solo in questo modo puoi iniziare a fare campagne a pagamento con LinkedIn Ads.

Creare una pagina aziendale LinkedIn è piuttosto facile. Come riporta la guida della piattaforma social, devi procedere in questo modo:

  1. Clicca sull’icona Prodotti nell’angolo in alto a destra della tua home page di LinkedIn.
  2. Clicca su Crea una pagina aziendale
  3. Seleziona il tipo di pagina che desideri creare dalle seguenti opzioni:
    1. Piccole imprese
    2. Medie e grandi aziende
    3. Pagina Vetrina
    4. Istituto didattico (scuole e università)
  4. Inserisci le informazioni relative all’identità della tua azienda o attività professionale, nonché del tuo profilo.
  5. Spunta la casella di verifica per confermare che hai l’autorizzazione per creare la pagina per conto di tale azienda, scuola o università.
  6. Clicca su Crea pagina.

Dopo aver creato la pagina, puoi inserire ulteriori dettagli per sviluppare il tuo brand cliccando su Configura la tua pagina.

Come vedi, costruire una pagina aziendale LinkedIn è molto semplice. Ma se hai obiettivi di marketing e di business per la tua azienda, questo è solo il primo passo da compiere. 

Non pensare che aprire una pagina aziendale LinkedIn è sufficiente. O che pubblicare qualche post di tanto in tanto possa aumentare l’engagement della pagina aziendale. Non puoi pensare che il pubblico inizi a seguire quello che fa la tua azienda su LinkedIn di punto in bianco. 

Devi pensare strategicamente ai risultati di business che vuoi raggiungere.

Per iniziare, ti consiglio di ricercare e aggiungere i tuoi colleghi alla pagina aziendale. Colleghi e dipendenti sono una buona risorsa per iniziare a far crescere i follower della tua pagina aziendale. Inizia con una prima attività di employee advocacy.

Secondo una ricerca LinkedIn, i dipendenti hanno un numero di connessioni di primo grado di 10 volte superiore al resto dei follower di un’azienda. Le aziende che implementano un programma di employee advocacy hanno il 58% di possibilità in più di attrarre talenti (e il 20% di possibilità in più di mantenerli).

linkedin advertising

Come funziona LinkedIn Ads

Qui ti spiego velocemente come iniziare a fare pubblicità su LinkedIn con le LinkedIn Ads.

Non mi soffermo quanto necessario perché ho scritto un post dedicato a chi vuole davvero conoscere tutto su LinkedIn Ads e usare LinkedIn come parte integrante della sua strategia di digital marketing.

Prima di iniziare chiediti sempre queste domande: quali risultati voglio raggiungere con queste campagne? Qual è il mio obiettivo facendo advertising su LinkedIn? 

Devi decidere se il tuo obiettivo è l’ awareness, l’interazione o le conversioni.

La prima fase è la creazione del tuo pubblico target su LinkedIn.

Per farlo, devi selezionare la localizzazione dove puoi selezionare continenti, paesi e regioni e volendo escludere determinate posizioni o la lingua del profilo LinkedIn. 

Come per altre piattaforme di advertising, anche su LinkedIn puoi restringere l’audience in funzione di determinati attributi come età, azienda, job title, industry, skills, etc.

In genere, un pubblico inizia ad essere molto vasto a partire da 600mila persone incluse.

Successivamente scegli  il formato di pubblicazione su LinkedIn Ads.

I formati pubblicitari degli annunci su LinkedIn “Annuncio con singola immagine”, “Annuncio immagine formato modulo” e “Annuncio Video”, non sono altro che post pubblicati su LinkedIn che vengono promossi a pagamento.

Imposta budget, pianificazione e tipo di offerta

Quando pianifichi le tue LinkedIn Ads, è possibile selezionare un budget giornaliero o un budget giornaliero e totale, a seconda della tua strategia e delle tue preferenze.

Il passaggio finale nella configurazione della tua campagna pubblicitaria su LinkedIn è mettere in atto un meccanismo per misurare i risultati oltre ai clic. Qui dovrai Impostare il tracking delle conversioni alle tue campagne LinkedIn Ads.

Nel Campaign Manager di LinkedIn il tracking delle conversioni misura le azioni fatte da un utente dopo aver visitato il tuo sito web grazie a un annuncio LinkedIn.

Il tag LinkedIn Insight è il codice JavaScript che dovrai installare sul tuo sito web per far si che il tracciamento delle campagne di LinkedIn Ads avvenga correttamente. Se il tuo sito web utilizza già diversi pixel di tracciamento, il mio consiglio è di impostare tutto da Google Tag Manager.

Queste sono alcune azioni veloci che dovrai svolgere per fare ads su LinkedIn. Ti ricordo che se vuoi avere un quadro più chiaro e dettagliato leggendo il mio articolo su LinkedIn Ads. Qui troverai altri suggerimenti che faciliteranno l’utilizzo della piattaforma.

A presto!
Stefano

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp

Linkedin Advanced

Trova nuovi Clienti e incrementa le vendite dei tuoi servizi grazie a LinkedIn!