Aumentare le Visite al Profilo LinkedIn: 11 Consigli

Stefano Pisoni

Stefano Pisoni

Digital Strategist & Growth Hacker

11 Consigli Per Aumentare le Visite al Profilo LinkedIn
Aumentare Le Visite Al Profilo LinkedIn

Se sei un libero professionista o un’azienda che vende servizi B2B, LinkedIn può essere il tuo asso nella manica e aumentare le visite al profilo LinkedIn è la base di partenza.

Vediamo qualche trucchetto per rendere il tuo profilo LinkedIn efficace ed aumentarne le visite.

NB in questo articolo mi riferisco ai profili personali LinkedIn, se vuoi scoprire di più sulle Pagine Aziendali LinkedIn ho scritto questa guida a riguardo.

1. Ottimizza il tuo profilo per ricevere più richieste di collegamento su Linkedin

Pensi che il tuo profilo LinkedIn sia ottimizzato? 

Se non ricevi quotidianamente richieste di connessione da utenti che non conosci, probabilmente ti stai sbagliando. 

Quindi, prima di partire a pubblicare contenuti o cercare connessioni interessanti su Linkedin, devi assolutamente ottimizzare il tuo profilo LinkedIn.

Questo punto ha un’importanza duplice. 

Ottimizzare il tuo profilo lato SEO ti permetterà di essere trovato/a rispetto alle keywords che ti interessano (immagina se ogni persona che cerca la parola chiave riferita alla tua professione su Linkedin ti trovasse in prima pagina!) 

L’uso delle giuste keywords nel tuo profilo è la differenza tra essere trovati ed essere invisibili.

Identifica le parole per le quali desideri essere trovato quando gli utenti utilizzano la ricerca di LinkedIn e utilizzano queste keywords nel titolo, nel riepilogo e nel profilo.

L’uso delle parole chiave giuste ti esporrà a più potenziali connessioni e opportunità.

L’altro aspetto invece è più psicologico. 

Un profilo curato e configurato secondo un preciso schema, ti permette di convertire l’utente che lo sta visitando. 

Ecco due aree facili e veloci che devi controllare che siano correttamente aggiornate prima di pensare di aumentare le visite al profilo LinkedIn:

Tagline: devi catturare l’attenzione in 150 caratteri.

Puoi utilizzare il titolo per evidenziare la posizione e la società attuali (ad esempio, “CEO presso XXX Corporation”), ma se sei un libero professionista ti consiglio di compilare la tua tagline in maniera diversa. 

Ricordati di mettere in evidenza la tua esperienza (ad es., “Facebook Ads Specialist” o “Content Marketing Strategist”) o mostra le abilità che vuoi mostrare nelle ricerche (ad esempio, “Formatore, Autore, Consulente, Speaker”). 

Cerca di spiegare chi sei, cosa fai e perché sei qualcuno con cui dovrebbero connettersi.

CTA (Call-to-action) 

Sono i pulsanti che puoi inserire subito sotto il sommario. 

Ecco alcune idee su come utilizzarli al meglio:

  • Book a call
  • Scarica una guida 
  • Visita il mio sito 

Come vedi, in tutti e tre i casi elencati qui sopra, stiamo cercando di spostare il traffico da Linkedin ad altre piattaforme per ottenere una mail o un contatto più diretto. 

Qui sotto trovi un’immagine esplicativa:

Primo Piano Profilo LinkedIn

2. Usa foto professionali 

I profili LinkedIn con un’immagine professionale hanno una probabilità 11 volte maggiore di essere visualizzati. 

Ecco alcuni consigli:

  • Usa una foto recente
  • Usa una foto a mezzo busto o un primo piano che ti permetta di essere facilmente riconoscibile
  • Cerca di usare la stessa foto su tutti i tuoi social network
  • Sii professionale ma rimani fedele a te stesso e non snaturarti 

Se vuoi scoprire come imparare a fotografare in maniera corretta (ti servirà anche per i contenuti che andrai a pubblicare), ti consiglio di seguire Fotografia Moderna!

3. Usa la foto di copertina all’interno della tua strategia 

Il tuo profilo LinkedIn rispecchia bene chi sei e cosa fai? 

Sfrutta l’immagine di copertina per dare al tuo visitatore ulteriore conferma della tua professionalità o della tua realtà aziendale. 

LinkedIn consiglia agli utenti di utilizzare un’immagine (PNG, JPG o GIF) con una risoluzione di 1400×425.

4. Coinvolgi gli utenti con il tuo sommario 

Aumentare le visite al profilo LinkedIn è solo il primo step.

Una volta che l’utente sarà sul tuo profilo LinkedIn, con il sommario è dove ti vendi davvero a potenziali connessioni. 

Il tuo riassunto dovrebbe ampliare ciò che appare nel titolo, mettendo in evidenza le tue specialità, la tua esperienza, i traguardi degni di nota e le caratteristiche che ti rendono unico/a, sempre tenendo presente di rivolgerti al tuo interlocutore con ben chiaro in mente come gli risolvi il suo problema o come puoi aiutarlo. 

Concentrati sui dettagli più rilevanti sulla tua carriera e assicurati che sia facile da leggere.

5. Personalizza l’URL del tuo profilo LinkedIn

Devi personalizzare l’URL del tuo profilo LinkedIn.

Ad esempio, il mio URL personalizzato è https://www.linkedin.com/in/stefanopisoni/.

Puoi farlo anche tu cliccando QUI e poi sulla matitina in alto a destra.

6. Rileggi attentamente tutto quello che scrivi, LinkedIn is not Facebook!

Cattiva grammatica, errori di battitura e errori di ortografia non fanno una bella impressione.

Evita.

7. Ordina correttamente le tue skills

Non mentire sulle tue abilità, inserisci quelle che ritieni di possedere davvero e fissa in alto (cliccando sul simbolo della puntina) le 3 più importanti per te.

Saranno le 3 che, quando userai tecniche più avanzate, gli altri utenti ti confermeranno.

8. Compila correttamente tutte le sezioni per aumentare le visite al tuo profilo LinkedIn

Devi compilare tutto il tuo profilo e tutte le sezioni che LinkedIn ti mette a disposizione.

Tutte queste sezioni ti offrono maggiori opportunità per creare nuove connessioni.

Prenditi mezz’ora, compilale correttamente e sfrutta al massimo queste sezioni. 

Non saltare questo passaggio. 

9. Invia 10 richieste di connessione ogni giorno

Se hai compilato correttamente il tuo profilo, ora sei pronto ad entrare in connessione con nuovi professionisti. 

Uno dei più grandi errori che si fanno su Linkedin è quello di non entrare quotidianamente in connessione con nuovi prospect. 

Devi immaginare LinkedIn come un importante meeting dove puoi lasciare il biglietto da visita, instaurare un discorso o parlare con i tuoi Clienti Ideali. 

Costruire la tua rete LinkedIn ha molti vantaggi. 

Ti mette di fronte ai decision makers. Sempre più persone visualizzano i tuoi contenuti, li vedono e visitano il tuo sito Web.

È il modo più facile per usare LinkedIn per trovare Clienti.

Ti permette di lavorare sul tuo personal Branding e dimostrare la tua professionalità. 

Vuoi scoprire come ottimizzare SEO il tuo profilo LinkedIn e sfruttare le LinkedIn Automation per entrare in contatto con decine di potenziali Clienti tutti i giorni?

Ho registrato un corso LinkedIn completo, si chiama LinkedIn Advanced e lo trovi qui!

corso LinkedIn

10. Personalizza le tue richieste di connessione

“Vorrei aggiungerti alla mia rete professionale su LinkedIn.”

Questa è la frase utilizzata di default da Linkedin, noiosa e senza nessuna personalizzazione. 

Come abbiamo detto prima, siamo su Linkedin per trovare nuove connessioni di valore, quindi perché non sfruttare questa frase introduttiva per presentarci al meglio ed aumentare le visite al profilo LinkedIn? 

Quando inviti qualcuno a collegarsi con te, ricordati di cliccare sempre su “aggiungi una nota” e personalizza il messaggio  – menziona dove vi siete incontrati o qualcosa che avete in comune.

Aggiungere una nota aumenta la probabilità di trovarsi la richiesta di connessione accettata fino al 40%!

11. Pubblica con costanza, altrimenti LinkedIn non serve a niente.

Per far si che le visite al tuo profilo LinkedIn siano costanti durante il mese, è importante che inizi a pubblicare contenuti con costanza.

Una cosa da tenere in considerazione, FONDAMENTALE per far si che i tuoi contenuti vadano ottengano buoni risultati in termini di visualizzazioni e di interazione e siano utili al tuo personal branding e alle tue operazioni di social selling, è che il contenuto che pubblichi sia di valore.

No, niente video virali di gattini, meme, etc LinkedIn è una piattaforma dove si cercano contenuti professionali, di qualità, utili al nostro business.

Ora voglio darti dei consigli su cosa NON fare: 

– NON DEVI PUBBLICARE PER FORZA

Hai qualcosa di interessante da dire? Dilla! Non essere timido/a, cerca di scrivere in maniera coinvolgente e clicca su “pubblica”! 

– NON PUBBLICARE TROPPO SPESSO

Se il tuo contenuto dei giorni precedenti sta ancora ottenendo reach, non pubblicare un nuovo contenuto! Dai il tempo a LinkedIn di distribuirlo!

Questo è l’errore che vedo fare più spesso, non avere fretta, datti almeno 48h per vedere come sta performando il tuo contenuto.

– PUBBLICA PER GLI ALTRI, NON PER TE STESSO

Vedo spesso post di utenti che, smaniosi di “affermarsi” pubblicano quotidianamente post sul proprio profilo.

Qui c’è da fare una distinzione:

1) sei un content creator, produci contenuti di qualità quotidianamente. Non mi sto rivolgendo a te.

2) non sei un content creator, magari fai un altro lavoro, devi fare la delivery per dei Clienti, hai 10 minuti al giorno e pur di scrivere qualcosa…. Scrivi banalità.

Ecco, mi sto rivolgendo a te. 

Non farlo.

Prendi quei 10 minuti al giorno, raggruppali in un’ora e scrivi un contenuto che ti distingua e si, pubblica solo 1 contenuto (di qualità) a settimana.

Inizia così.

Ma non dimenticarti di condividere anche la tua quotidianità, importanti appuntamenti di lavoro e contenuti che possano avere un risvolto utile per la tua audience.

Bene, per questo articolo è tutto, spero ti sia stato utile per iniziare la tua avventura con LinkedIn!

A presto,
Stefano



Visite Profilo LinkedIn: “Chi ha visitato il mio profilo LinkedIn?”

Ti basta cliccare qui – per rispondere alla domanda “chi ha visitato il mio profilo LinkedIn” negli ultimi 90 giorni

o Visita questo sito – per sapere il numero di volte in cui il proprio profilo è apparso nei risultati delle ricerche nell’ultima settimana.

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp

Linkedin Advanced

Trova nuovi Clienti e incrementa le vendite dei tuoi servizi grazie a LinkedIn!